dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»PUBBLICATO L’AVVISO PER LA NOMINA DELLA COMMISSIONE PAESAGGIO

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 11 Giugno 2021 13:05

PUBBLICATO L’AVVISO PER LA NOMINA DELLA COMMISSIONE PAESAGGIO

È stato pubblicato sull’Albo Pretorio del Comune l’Avviso per la nomina dei cinque componenti della Commissione per la tutela del paesaggio. I professionisti saranno scelti tra gli esperti in materia paesaggistica ed ambientale: architetti, ingegneri, geologi, biologi naturalisti e agronomi con qualificata esperienza pluriennale.

Le domande – che dovranno pervenire entro il 30 giugno prossimo – saranno valutate in base al titolo di studio, all’esperienza maturata, alla professionalità e al livello di specializzazione raggiunto in riferimento alle funzioni connesse all’incarico.

L’Avviso pubblico per la nomina della Commissione comunale per la tutela del paesaggio risponde alla legge regionale numero 50 del 1993, in base alla quale “i Comuni, per poter esercitare le funzioni amministrative relative al rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche devono integrare o costituire la commissione comunale per la qualità architettonica e per la tutela del paesaggio ai sensi del decreto legislativo numero 42 del 2004”.

Per l’assessore a Città Territorio, Rosa Nicoletti, con la pubblicazione dell’Avviso “l’Amministrazione comunale ha voluto concretizzare un provvedimento sulla cui necessità si era espressa immediatamente dopo l’insediamento”.

"L’istituzione di una nuova Commissione per la qualità architettonica e del paesaggio – aggiunge l’assessore Nicoletti – risponde anche alla necessità di garantire la valorizzazione della identità di Matera: è la storica tradizione materana che ce lo impone, quella che ci ha lasciato una grande eredità culturale, materiale e immateriale, che non va solo difesa, ma valorizzata e tramandata alle nuove generazioni”.